MisteriosaMente......

Conoscere la mente......

      

 

   

DolorosaMente 4

La sofferenza psicologica è insita nell’uomo e va dalle gravi malattie mentali a quelle situazioni di disagio che tutti, più o meno, abbiamo sperimentato o di cui abbiamo

comunque sentito parlare  come stress, ansia, panico, fobie.

 

 

 

Perché siamo stressati?

 

Recenti statistiche denunciano che una percentuale piuttosto alta di italiani si dichiara stressata. A molti sarà capitato di dire (o sentir dire): “non ce la faccio più, non ho più tempo neppure per respirare” e magari di chiedersi: “ma come ho fatto a ridurmi così?”

Purtroppo quasi mai si tenta di rispondere veramente a questa domanda. Cerchiamo di riflettere insieme, non dimenticando che si sta parlando della nostra realtà (in altre parti del pianeta, esistono realtà ben diverse).

Tra i tanti aspetti della questione, credo che due siano quelli più interessanti.

In primo luogo, una considerazione che può sembrare banale: la vita di oggi è oggettivamente più complicata rispetto ad epoche precedenti.

C’è stato un tempo in cui era possibile governare un impero senza saper leggere né scrivere. In una situazione, come la nostra, in cui i bambini piccoli sanno già navigare in Internet con disinvoltura, è difficile che qualcuno si soffermi a pensare che non sempre è stato così. Pensate a quante cose, oggi, sa o sa fare, in media, uno dei nostri giovani; l’elenco è interminabile: oltre a leggere e scrivere, fare i conti o usare sofisticate calcolatrici, capire e parlare una o più lingue straniere, sapere usare un numero esorbitante di elettrodomestici, praticare sport, guidare moto e automobili, suonare qualche strumento, districarsi tra infiniti meccanismi burocratico-tecnologici, carte di credito, bancomat, acquisizione di documenti, informazioni o documentazioni, ecc. ecc. Il numero di competenze che si richiede all’uomo moderno medio non è neppure paragonabile a quello che si richiedeva all’uomo di qualche secolo fa. E persino di qualche decennio fa. Prendiamo un contadino analfabeta, come ce n’erano tanti all’inizio del secolo scorso, e che ha vissuto all’epoca in modo dignitoso e soddisfacente, servendosi delle poche competenze a sua disposizione (i ritmi della terra, i tempi di schiusa delle uova, il procedimento per fare il vino, ecc.). Trapiantiamolo, per magia, nel mondo del duemila: nasce in un casolare, in un piccolo paese, lavora lì, porta lì sua moglie, lì alleva i suoi figli. Mettiamo che debba andare in città per una visita medica: si presenta la necessità di leggere il numero degli autobus (ovviamente non ha la patente perché è analfabeta), di cercare un indirizzo, di fare un numero telefonico. E poi dovrà votare, dovrà pagare le tasse, iscrivere i figli a scuola, fare dei pagamenti tramite bollettini, e magari dovrà capire le istruzioni della nuova sega elettrica. In tutte queste circostanze, e in mille altre, dovrà farsi aiutare da qualcuno, per giunta con il rischio di farsi imbrogliare. L’alternativa è restarsene recluso nel suo casolare, nel suo piccolo mondo protetto. In entrambi i casi, sarà un emarginato, un handicappato (nel senso originario del termine, e cioè “in condizione di svantaggio” nei confronti degli altri).

E’ evidente che vivere nel mondo moderno è obiettivamente molto più difficile e richiede, per la sua complessità, molte più competenze.

Il secondo aspetto è la scelta delle priorità. Scelta tanto più difficile quanto più numerose sono le alternative tra cui scegliere. Contrariamente al contadino analfabeta del secolo scorso, che si limitava ad assecondare i ritmi e le regole della natura, la giornata dell’uomo di oggi, in una moderna azienda agricola, così come in una grande città, è scandita da continue scelte e decisioni, alcune automatiche, altre no. Poter contare su strumenti complessi come macchinari computerizzati, automobili sempre più accessoriate, lavatrici superautomatiche, telefoni muniti di infinite funzioni (a cui manca solo di fare il caffè, come mi ha detto ieri un’operatrice del servizio telefonico), o il computer in tutte le sue varianti, garantisce, è vero, molto tempo in più a disposizione, ma bisogna considerare che parte di quel tempo va impiegato ad apprendere il funzionamento di queste meraviglie della tecnica, e poi a gestirne adeguatamente l’uso. Inoltre il tempo recuperato lo si impegna quasi immancabilmente in altre attività che a loro volta richiedono scelte, decisioni, tempi di apprendimento… in una perversa e frenetica reazione a catena.

Il risultato è una sorta di zapping tra infiniti impegni ed attività, senza avere il tempo e la possibilità di soffermarsi su nessuna di esse.

Che fare allora? Forse ci si potrebbe fermare ogni tanto e chiedersi: “Ma tutto quello che faccio è veramente importante per me? C’è qualcosa che posso organizzare meglio, o qualcosa che posso eliminare dalla lista dei miei impegni? Qual è il vero motivo per cui non riesco mai a fermarmi un momento?”

Tempo fa ho assistito ad un episodio molto carino: due signore si erano incontrate per strada. Una delle due, che evidentemente si era attardata a chiacchierare più del previsto, si stava scusando per aver fatto perdere del tempo all’altra. E l’altra: “Oh no, parlare con un’amica non è tempo sprecato, è il resto del tempo che è sprecato”.

 

Questo articolo è già comparso nel sito Farmaman, ma ho pensato di riproporlo in MisteriosaMente, perché - sarà il clima pazzerellone, saranno le vacanze... -  sento sempre  parlare di stress!

 

 

 

 Home      Indice      Informazioni